Eventi e news

Hawaiian pizza ananas, "illegale" per l'Islanda e non solo

Gioiamo: il presidente islandese Guðni Jóhannesson è dalla nostra parte!

Finalmente qualcuno che grida a gran voce che il binomio pizza-ananas "non s'ha da fare" ... non una persona qualunque; il presidente islandese si è scagliato contro la pizza all'ananas affermando che la vieterebbe proprio per legge, che detesta l'ananas messa sulla pizza e che, potendo, la bandirebbe dal Paese. Un'affermazione fatta con leggerezza che, tuttavia, è stata presa incredibilmente sul serio, tanto che la CNN ha sentito il bisogno di lanciare un sondaggio tra i suoi utenti: ananas sì o ananas no?

La fatidica domanda è stata posta al presidente da uno studente che gli ha chiesto quale fosse la sua posizione sulla pizza hawaiana e la risposta è arrivata secca e alquanto drastica: non soltanto ha detto di essere "fermamente contrario" all'ananas usato come topping ma ha anche ammesso che, se ne avesse la possibilità, bandirebbe questa variante di pizza.

Cercando un po' nel vasto mondo del web, si scopre che la chiamano "hawaiian pizza" o "pizza hawaii" e che, all'estero (solo là, fortunatamente) va alla grande, mentre per noi è un'aberrazione senza precedenti.

Il "problema", se così vogliamo intenderlo, è che, dal sondaggio CNN, i risultati al momento sono a sfavore della nostra tradizione poiché circa il 60% dei votanti ha infatti dichiarato che la pizza hawaiana è una rara prelibatezza. Agghiacciante, così come agghiacciante è l'ingrediente usato per il "misfatto": la classica base della pizza con pomodoro, mozzarella con aggiunta di … ananas.

Ordinare una pizza del genere, in Italia, ti rende in automatico un blasfemo della tradizione culinaria, con tanto di rischio di essere cacciato a pedate dalla pizzeria. Non parliamo poi dei nostri poveri connazionali all'estero, costretti a combattere una battaglia persa in partenza contro chi ingenuamente gli offre una bella fetta della loro "pizza hawaiana", con mozzarella filante ricoperta da spesse fette di ananas giallo canarino. Magari gli amici stranieri si sconvolgono pure se la risposta è un'espressione sconvolta e inorridita!

Ma cosa ne pensano i pizzaioli italiani? Secondo la guida Michelin, alcuni pizzaioli delle migliori pizzerie napoletane, città principe della pizza, non usano mezzi termini per esprimere un giudizio sulla variante di pizza che all'estero trova grande successo. La pizza all'ananas? "Fa schifo", "se qualcuno me la chiede lo prendo a calci nel sedere", "è buona solo per una fotografia".

Anche sui social si è scatenato un acceso dibattito: da una parte chi dice che "il presidente islandese è l'eroe di cui tutti abbiamo bisogno", dall'altra chi ribadisce il diritto alla "pizza libera"; addirittura qualcuno ha invocato a gran voce una cittadinanza italiana onoraria per Jóhannesson.

Una questione divenuta (quasi) di Stato tanto da meritarsi il nome "ananas-gate" e che, alla fine, il presidente in persona ha deciso di affrontare su Facebook con un post scritto anche in inglese e intitolato "una dichiarazione sulla controversia della pizza".

Diretto e conciso, scrive:

"Mi piace l'ananas, solo non sulla pizza",

spiegando poi di non avere il potere per vietare alle persone di mettere l'ananas sulla pizza e che è contento di non avere una tale facoltà. Continua

"I presidenti non dovrebbero avere un potere illimitato"

ed ha aggiunto che non vorrebbe vivere in un paese dove il presidente può proibire ciò che non gli piace.
E relativamente alla pizza?

"Suggerisco quella ai frutti di mare",

ha concluso.

Insomma, tutto è bene quello che finisce bene e la popolarità di Jóhannesson è salva. Agli islandesi piace molto come persona perché è informale e alla mano tanto da fermarsi, come molti fanno, in una pizzeria take-away dopo il lavoro per ordinarsi una pizza … senza ananas!

Noi a La Panoramica, valorizziamo l'ananas come frutto in alcuni dei nostri dessert, in qualche antipasto e anche in alcune insalatone e la pizza la facciamo come si deve, forgiati dalla passione per la buona cucina e per gli ingredienti sani e di qualità.

Se il Signor Presidente fosse di passaggio nel Bel Paese e desiderasse fermarsi una sera per una pizza italiana, una pizza vera, saremo ben lieti di preparargliela a suo gusto e piacimento secondo la tradizione italiana, la tradizione italiana vera!

Contatti

Grazie, per averci contattato.
Ti risponderemo al più presto.
È necessario compilare correttamente tutti i campi obbligatori
Top